Come realizzare un orto sinergico

orto

Coltivare l’orto non è solo una passione confortata da prodotti cresciuti con le nostre mani e insaporiti da ore di paziente attenzione e amore.Disporre a piacere di un pezzetto di terra su cui seminare e sperimentare ,è un gesto di evasione dalla prigionia del quotidiano, uno spazio altro in cui riconoscersi liberi e diretti produttori di materie prime.Nelle righe che seguiranno l’amatore apprenderà le basi per organizzare un orto efficiente e redditizio,capace di ospitare ortaggi per inverdire la mensa di casa da gennaio a dicembre.Per rendere piane le nozioni anche dei meno edotti, le regole fondamentali della coltivazione sono state trattate in modo facile ed elementare senza tralasciare nulla di importante.
Come progettare un orto:Se avete un pezzo di terreno attorno casa su cui volete sistemare giardino e orto, considerate quanto tempo durante il giorno il vostro terreno resterà in ombra .Ricordate che dovrete sistemare in posizione comoda un ricovero per gli attrezzi, la compostiera e un’eventuale piccola serra.Anche se siete entusiasti all’idea di avere un orto sotto casa, ricordatevi che questo esteticamente non sarà mai un giardino quindi cercate di sistemarlo in modo leggermente shermato .La forma dell’orto non ha nessuna importanza , mentre è fondamentale che l’orto non sia sistemato sotto alberi di alto fusto o dentro una conca che si allaghi quando piove o in posizioni sopraelevete e molto ventilate.Gli elementi essenziali per l’orto , oltre ai già citati ripostiglio, concimaia o compostiera e serra , il semenzaio e la zona delle erbe aromatiche perenni. Il ripostiglio è bene che sia in posizione comoda,un’eccessiva distanza dall’orto finirebbe per farvi rinunciare all’uso dell’attrezzo giusto.Talvolta la pigrizia è tale che piuttosto di percorrere pochi passi si preferisce lavorare male.La compostiera dovrà essere sistemata vicino alle aree coltivate, comoda per riporvi eventuali resti di cucina , foglie,erba,e se si posseggono anche animali tipo galline o conigli in modo da versare anche il letame al suo interno.Il semenzaio dovrà essere posto in posizione riparata e vicino a una presa d’acqua per poter bagnare di frequente.

 

.bancali per l'orto sinergicobancali per orto sinergico in cassa
Costruzione dei bancali o piazzole:è così che che si chiamano gli spazi adibiti alla coltivazione , questi li possiamo realizzare in due modi il primo ammucchiando il terreno formando dei cumuli di forma trapezioidale con un’altezza di almeno 40 cm e la base superiore di 50/80cm e di lunghezza a piacere in base allo spazio che si dispone, si possono realizzare più bancali distanziati in modo che si lasci il passaggio da entrambi i lati e non meno di 60cm tra di loro.Il secondo metodo per realizzare i bancali è quello di costruire delle casse in legno di 40/50 cm di altezza a una distanza tra loro di 50/70 cm e riempirli di terreno. Il primo metodo è più semplice ma occupa più spazio pertanto sarà vostra la scelta del sistema più adatto alle vostre esigenze.

orto costruzione

realizzazione dei bancali

bancale riempito

riempimento dei bancali

impianto di irrigazione

posizionamento dell’irrigazione

Caratteristiche del bancale:il terreno del bancale va livellato e zappettato per favorire l’arieggiatura dopo se si vuole sistemare i tubi gocciolatori o porosi per l’irrigazione.

Dopo coprire il terreno dei bancali con carta per pacciamatura biologica o cartone, oppure in telo in mater-bi  , questa ha diverse funzioni, pacciamante in quanto evita la crescita della malerbe,protezione dai raggi solari d’estate e dal freddo d’inverno evita il dilavamento e la compattazione dalle piogge in quanto l’acqua arriva al terreno sottostante in finissime gocce,il suo decomporsi aiuta la formazione di humus.Cosa importante che da questo momento i vostri bancali non vanno più zappati, perchè saranno gli organismi e microorganismi e le stesse radici delle piante a rendere il terreno arieggiato,si perchè quando raccoglierete gli ortaggi non dovrete estirparli ma tagliarli lasciando la radice nel terreno,e queste decomponendosi lasceranno dei vuoti per l’arieggiatura , altra cosa importante è la consociazione delle varie piante coltivate per favorire la difesa dai parassiti e lo scambio degli elementi nutritivi. Dopo aver scelto le piante da utilizzare per il nostro orto non ci resta che acquistarle nel vostro garden preferito.

piantine ortaggi

piantine scelte per la consociazione

pacciamatura

pacciamatura con cartone

pacciamatura bio piantata

pacciamatura in telo biodegradabile

bancale con ortaggi

ortaggi consociati

                                

Tabella delle consociazioni:

Aglio:alberi da frutto,carote,cetrioli,fragole,gigli,lamponi,pomodori,prezzemolo,rose,tulipani.

Asparagi:cetrioli,insalata,prezzemolo,pomodori.

Barbabietole rosse:aglio,aneto,cavoli,cerrioli,cipolle,coriandolo,crescione,cumino,insalata,pan di zucchero.

Bietola:carote,cavoli,ravanelli,ramolacci.

Broccoli:crescione,sedano.

Carote:aglio,aneto,bietole,cipolle,erba cipollina,insalata dataglio,maggiorana,piselli ,pomodori ,porri ,ramolacci ravanelli rosmarino,salvia,scorzonera.

Cavoli:aneto, barbabietole, camomilla, coriandolo, cumino, fagioli, indivia, insalata, menta, patate, pomodoro, porri, sedano, spinaci.

Cetrioli:aneto, barbabietole rosse, basilico, cavoli, cipolle, coriandolo, cumino, erba cipollina, fagiolo, insalata, finocchio, mais(sui bordi dell’aiula o sull’aiula vicina), piselli.

Cicoria di bruxelles:carote, finocchi,insalata,pomodori.

Cipolle:aneto, barbabietole rosse, camomilla, carote, cavoli, cetrioli, fragole, lattuga, ravanelli, santoreggia.

Fagioli: Carote, cavoli, insalata, mais,patate, pomodori, porri, rape, santoreggia, sedano.

Fave:cavolo rapa,insalata, patate, scorzonera, spinaci.

Finocchio:cetrioli, cicoria, indivia, insalata, piselli, radsicchio, valerianella.

Fragole: aglio,borraggine,cipolle,crescione,erba cipollina, fagioli,insalata,porri,ramolacci,ravanelli,spinaci.

Girasoli:cetrioli

Indivia:cavoli, fagioli, rampicanti, finocchio, porri.

Lattuga:aneto, asparagi, barbabietole, carote, cavoli, cerfoglio, cetrioli, cipolle, crescione, finocchio, fragole, mais, menta, piselli, pomodori, porri, ravanelli.

Mais:cetrioli, fagioli, lattuga, melone, patate, pomodori, zucca, zucchini.

Patate:aglio, cavoli, cumino, fave, mais, menta, nasturzio, rafano, spinaci, tagete.

Piselli:aneto, carote, cavoli, cetrioli, finocchio, insalata, mais, zucchini.

Pomodori:aglio, barbabietole, basilico,cavoli, cicoria, insalata da taglio, lattuga mais, nasturzio, pozzi, prezzemolo, ramolacci, ravanelli, sedano, spinaci.

Porri:camomilla, carote, cavoli, fragole, indivia, lattuga, pomodori, prezzemolo, scorzonera, sedano.
Radicchio:carote, fagioli,finocchio, lattuga, pomodori.

Rafano:alberi da frutto , patate.

Ramolacci e Ravanelli: bietola, carote, cavoli, cipolle, crescione, fagioli, fragole, insalata, lattughe, nastrurzio, piselli, pomodori, ptrezzemolo, spinaci.

Sedano:camomilla, cavoli, cetrioli, fagioli, pomodori, porri.

Scorzonera:cavoli, fave, insalata, lattuga, cappuccia, porri.

Spinaci:adatti a tutte le colture.

Zucchini:cipolle, fagioli, mais, nasturzio.

Daniele

Daniele Castiello vive nel parco nazionale del Cilento ad Ascea , appassionato di erbe e della natura e dei sistemi biologici, ama le passeggiate in bicicletta tra la natura.

You may also like...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>