Iperico

È una pianta perenne semisempreverde, glabra, con fusto eretto percorso da due strisce longitudinali in rilievo. È ben riconoscibile anche quando non è in fioritura perché ha le foglioline che in controluce appaiono bucherellate, in realtà sono piccole vescichette oleose da cui deriva il nome perforatum, mentre ai margini sono visibili dei punti neri, strutture ghiandolari contenenti Ipericina(da ciò il nome erba dell’olio rosso), queste strutture ghiandolari sono presenti soprattutto nei petali. Le foglie sono opposte oblunghe. I fiori giallo oro hanno 5 petali delicati. Sono riuniti in corimbi che raggiungono la fioritura massima verso il 24 giugno (ricorrenza di San Giovanni) da cui il nome popolare di “erba di San Giovanni“.(wikipedia)

Le parti di interesse, utilizzate per le preparazioni fitoterapiche, sono le foglie e le sommità fiorite applicazione nella preparazione di tisane: utilizzare 1-2 cucchiaini di sommità per 150ml di acqua bollente; lasciare in infusione per  10 minuti, filtrare l’infuso e berlo al momento del bisogno in caso tosse, raffreddore e infiammazioni urinarie per un periodo di più settimane al mattino e alla sera.

USO ESTERNO:

Olio di iperico: 300 gr di sommità fiorite fresche, 1000ml di olio di  oliva

Far macerare per 4 settimane in una vasetto ben chiuso, e posizionarlo in modo che sia esposto alla luce solare per almeno per un ora al giorno . Filtrare e conservare in bottiglie di vetro scuro, al riparo dalla luce e in luogo fresco.

Sarà sufficiente applicarlo ogni sera su viso e collo per poter constatare i primi risultati anti-rughe e anti-età, già dopo soli 10 giorni di applicazione. Oppure utilizzarlo al momento del bisogno in caso di piaghe, ulcere, scottature, per dolori articolari e cellulite.

Preparazione dell’olio di iperico il 24 giugno come vuole la tradizione.

olio di iperico fiori oliovaso in vetro da 3lt , 1 lt olio di oliva e 300gr i fiori di iperico

iperico taglio fioripulitura dei fiori lasciando solo i boccioli

olio iperico aggiuntamettere i fiori nel vaso e versare l’olio di oliva

20150621_142546

 

 

chiudere il vaso e posizionarlo in modo che il sole lo colpisca

almeno per un ora al giorno e ogni 4-5 giorni mescolare

 

olio di iperico prontoolio dopo 30 giorni di macerazione

olio di iperico filtraggiofiltraggio dell’olio di iperico e conservarlo in bottiglie di vetro scuro.

Daniele

Daniele Castiello vive nel parco nazionale del Cilento ad Ascea , appassionato di erbe e della natura e dei sistemi biologici, ama le passeggiate in bicicletta tra la natura.

You may also like...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>