Pipistrelli. I nemici naturali delle zanzare.

Questi mammiferi volanti appartengono alla famiglia dei chirotteri o più comunemente chiamato pipistrello è un mammifero placentato ed è il secondo gruppo più numeroso dopo i roditori.

I pipistrelli è un animale che d’inverno va in letargo e si rifugiano all’interno di grotte, fessure rocciose, fitta vegetazione, cavità negli alberi, negli edifici abbandonati, di solito anche in grandi colonie, oppure al massimo in unità familiari . Tali ricoveri però in primavera cambiano e i piccoli animali si spostano alla ricerca di un posto nascosto e stretto dove allevare la prole e alimentarsi durante il periodo estivo anche all’interno di intercapedini tra le grondaie , fessure tra le tegole. Questo animale così piccolo e per molti ritenuto pericoloso e’ invece un ottimo alleato nella lotta contro le zanzare! La legge però vieta il loro acquisto…Come fare? In commercio esistono delle pratiche casette per pipistrelli, queste permetteranno ai pipistrelli di sostarci e di potersi cibare delle nostre nemiche zanzare! Le casette o nidi vanno posizionate in prossimità delle nostre case , rivolte verso il lato sud o est , in modo che il sole mattutino li riscaldi e nelle ore calde ci sia l’ombra , infatti il pipistrello non sceglierà una casetta in pieno sole. Il periodo ideale per posizionare le casette è gennaio-febbraio cosi appena i pipistrelli ai primi tepori vanno alla ricerca della loro casa estiva la troveranno pronta per aiutarci, per far si che il luogo sia di loro gradimento , posizionarle ad un’altezza di 3/4 metri e non siano accessibili a gatti che sono loro nemici. Se abbiamo fatto tutto a regola avremo uno o più pipistrelli che ogni notte mangeranno più di 2000 zanzare.

Acquista una casetta, clicca qui: Casetta grandeCasetta piccola

occhio di pavone
Hai qualcuno di questi problemi

Daniele

Daniele Castiello vive nel parco nazionale del Cilento ad Ascea , appassionato di erbe e della natura e dei sistemi biologici, ama le passeggiate in bicicletta tra la natura.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *