Cos’è un recinto elettrico e come si installa

Che cos’è una barriera elettrica? Come funziona?

E’ Una recinzione fissa o mobile costituita da un filo elettrico specifico isolato che se ben installata funziona in maniera molto semplice: Intimidisce l’animale con una piccola scossa, innocua sia per lui che per l’essere umano, ed educa lo stesso a non superare la barriera. Questo sistema infatti è studiato per evitare sia l’entrata che la fuoriuscita del bestiame dal recinto.

I componenti:

·         Elettrificatore

·         Filo di recinzione

·         Isolatori, pali, maniglie da cancello anch’esse isolanti

·         Buona messa a terra

I motivi per la scelta della barriera elettrica

La barriera elettrica è la miglior scelta sia per quanto riguarda il fattore economico sia per la sicurezza dell’animale (garantita quando vi è un corretto montaggio)

TUTTI I MATERIALI VANNO SCELTI CON ATTENZIONE E IN MANIERA CORRETTA.

Filo e banda dovrebbero essere in materiale antistrappo con una bassa resistenza elettrica. Isolatori e pali dovrebbero avere un’alta resistenza elettrica.

LA SCELTA DEI MATERIALE DIPENDE MOLTO DALL’ANIMALE E DALLA LUNGHEZZA DEL RECINTO CHE SI VUOL COSTRUIRE ALTRO FATTORE IMPORTANTE E’ LA POSSIBILE ALIMENTAZIONE ELETTRICA.

Il cuore dell’impianto è l’elettrificatore il quale invia la corrente, la quale in base alla durata e alla sua forza genera queste brevi scosse, chiamate impulsi.

E’ importante sapere che vi sono due tipi di energie:

·         Energia di caricamento: è l’energia che l’elettrificatore prende, e conserva nella sua riserva, dalla batteria o dalla presa di corrente

·         Energia di scaricamento: è l’energia massima che l’elettrificatore fornisce alla recinzione. Più alta è più forte sarà la scossa.

Le altezze dei fili devono attenersi all’altezza dell’animale e alla sua vivacità.

IN OGNI SITUAZIONE MAGGIORE SARA’ IL NUMERO DEI CONDUTTORI MIGLIORE SARA’ L’EFFICACIA.

VOLETE UTILIZZARE IL VOSTRO APPARECCHIO IN MODO ECOLOGICO ED ECONOMICO? IL NOSTRO SFORZO E’ RICAVARE ENERGIA SENZA SPENDERE.

In questo caso la soluzione ideale è l’energia solare.

I pannelli solari fotovoltaici sono pannelli che hanno lo scopo di produrre energia e sono riconoscibili per la presenza di celle di forma quadrata. Questi vanno collegate a batterie, come quelle delle automobili, le quali immagazzinano l’energia creata dai pannelli.

COSTRUZIONE DEL RECINTO

Isolamento della porta: Gli elementi utilizzate per la creazione di quest’ultima devono essere isolati.

Gli elementi in metallo che non appartengono al recinto non vanno assolutamente collegati ad essi.

Distanze rispetto ad altri elementi minimo 2 metri.

 Elementi in metallo che non appartengono al recinto non devono essere collegati agli elementi conduttori di questo.

FILO PALI E ISOLATORI

Come detto prima i fili devono essere buoni conduttori e devono essere a prova di strappo. Non utilizzare filo spinato.

Per quanto riguarda i cavi, è consigliabile introdurre la tensione attraverso speciali morsetti.

I pali, possono essere utilizzati di qualsiasi materiale, sono consigliati quelli in plastica. Se si desidera possono essere utilizzati anche quelli in legno ma solo se vi sono buoni isolatori I pali in metallo sono sconsigliati per uso esterno perché possono circuitare facilmente.

Picchetti da terra vanno posizionati lungo il recinto. Il  primo va posizionato a inizio recinto , ogni picchetto deve distare dall’altro 250metri e devono essere posizionati per tutta la lunghezza del recinto a una distanza di due metri da questo.

I fili che costituiscono il recinto non devono essere appoggiati su cavi telefonici.

Bisogna evitare interferenze

Controllare il recinto percorrendolo con una radio a transistor.

 Gli isolatori devono essere montati in maniera tale che vi sia una distanza di almeno 3cm da un cavo all’altro.

CONTROLLARE SEMPRE CHE TUTTE LE PARTI DEL RECINTO FUNZIONINO IN MANIERA CORRETTA’ COSI’ DA POTER AVERE UN RECINTO FUNZIONANTE E DURATURO.

 SPECIFICHE TECNICHE PER I VARI TIPI DI RECINTO

RECINTO PER CINGHIALI

Questo recinto va realizzato con un filo   inferiore, con altezza da terra di 30cm da terra e con uno spessore di 3mm e una banda superiore con altezza da terra 50cm e con larghezza minima cm2. Viene utilizzata la banda perché è più visibile al cinghiale.

Si consiglia il posizionamento della pacciamatura, per evitare la ricrescita dell’erba, la quale può compromettere il funzionamento del recinto.

PER I RECINTI DI MUCCHE E VITELLI SEGUIRE QUESTO SCHEMA, SOSTITUIRE LA BANDA CON UN FILO ELETTRIFICATO.

A: PANNELLO SOLARE

B:LIMITATORE CARICA PER BATTERIA

C:BATTERIA PER AUTO

D:ELETTRIFICATORE IMP GEN

E:PICCHETTO PER MESSA A TERRA

F: PICCHETTO IN PLASTICA

G: TABELLA DI SEGNALAZIONE

H:BANDA PER RECINZIONI

I:ISOLATORE DOPPIO ANELLO        MANIGLIA PER BANDA

L:ISOLATORE PER RECINTO ELETTRICO

M: PALI IN LEGNO

N: FILO ELETTRIFICATO

O: PACCIAMATURA

RECINTO PER ORSI

Questo recinto va con una banda superiore larga minimo 2mm posta ad 120cm da terra e da quattro fili i quali devono distare l’uno dall’altro 20cm ed il primo da terra 30cm anche in questo caso è meglio utilizzare la pacciamatura.

Il recinto NON va costruito in vicinanza di alberi, questi potrebbero essere d’aiuto all’orso per scavalcare la recinzione.

A: PANNELLO SOLARE

B:LIMITATORE CARICA PER BATTERIA

C:BATTERIA PER AUTO

D:ELETTRIFICATORE IMP GEN

E:PICCHETTO PER MESSA A TERRA

F: PICCHETTO IN PLASTICA

G: TABELLA DI SEGNALAZIONE

H:BANDA PER RECINZIONI

I:ISOLATORE DOPPIO ANELLO        MANIGLIA PER BANDA

L:ISOLATORE PER RECINTO ELETTRICO

M: PALI IN LEGNO

N: FILO ELETTRIFICATO

O: PACCIAMATURA

CONSIGLIO

La scelta dell’elettrificatore per la vostra recinzione è orientata in base al tipo di alimentazione.

·         Pascolo vicino fattoria: alimentatore con rete elettrica

·         Se avete bisogno di più energia: alimentatore 12V, con eventuale alimentazione solare

Per animali potenti vi è bisogno di elettrificatori potenti.

·         Animali difficili: pecore, capre, pennuti

·         Animali docili: Cavalli, Maiali, animali domestici.

·         Animali potenti: Orsi e Cinghiali

Prima di istallare un recinto leggere attentamente le istruzioni generali per la posa, la messa in opera, manutenzione etc.

LE RECINZIONI NON DEVONO COSTITUIRE UN PERICOLO PER GLI ESSERI UMANI, GLI ANIMALI E L’AMBIENTE.

L’energia d’impulso da impiegare è quella necessaria e non quella possibile.

EVITARE ELETTRIFICATORI CON ENERGIA SUPERIORE A 5J SE NON PROVVISTI DI CIRCUITO DI PROTEZIONE.

IN LUOGHI DOVE VI E’ LA POSSIBILE PRESENZA DI PERSONE UTILIZZARE ELETTRIFICATORI CON IMPLUSO NON SUPERIORE AD 1J.

Evitare ogni contatto fisico diretto con il recinto.

·         Permettere alle persone passaggio dalle zone isolate e affiggere ogni 100m il segnare di pericolo in prossimità dei cavi elettrici.

·         Il recinto va posto a minimo 2 metri da oggetti metallici collegati a massa, particolar modo se vi è la presenza di persone.

·         In caso di inondamento l’elettrificatore non va lasciato in funzione.

In caso si debbano costruire due recinti separati anche l’elettrificatore deve essere separato e la distanza tra i cavi deve essere minimo di due metri.

PER LA MESSA A TERRA SEGUIRE LE ISTRUZIONE DEL PRODUTTORE DEGLI ELETTRIFICATORI.

Deve esserci una distanza di almeno 10 metri tra la presa di terra e ogni divisione collegata al sistema di messa a terra.

Le linee di collegamento che devono essere introdotte all’interno di edifici vanno isolati dalla parte messe a terra.

Le linee che invece passano sotto terra devono essere introdotti in tubi di protezione costruiti con materiali isolanti.

Linee di collegamento e linee di alimentazione NON vanno istallate nello stesso tubo di protezione così per tutti gli altri collegamenti.

Linee di collegamento e i cavi dell’elettrificatore non vanno posati sopra linee di alta tensione o su linee di comunicazione, se simile incrocio non può essere evitato queste vanno poste al di sotto della linea d’alta tensione.

I recinti con funzione repellente per uccelli, recinzione per animali domestici o allevanti (vacche) devono avere un’alimentazione bassa, la quale garantisce comunque una sicurezza.

Nessun cavo va posto a terra,nel caso in cui l’elettrificatore ha come fine quello di essere posizionato su di un edificio per scacciare di lì gli uccelli, e se questi non sono collegati a parti in metallo, in tal caso la parte in metallo va posta a terra. RICORDARE DI POSIZIONARE I CARTELLI DI PERICOLO NEI LUOGHI IN CUI PASSANO O POTREBBERO PASSARE PERSONE.

Se un recinto elettrico incrocia una strada pedonale pubblica, va posta all’altezza dell’incrocio una porta non elettrificata. PORRE QUI CARTELLO DI PERICOLO.

I cartelli di pericolo vanno affissi lungo tutto il recinto che si trova in concomitanza con passaggi pubblici e strade, le dimensioni di questi devono essere almeno 100x200mm. Devono essere di colore giallo e la scritta deve essere nera indelebile e ben evidente.

Il recinto deve avere una protezione contro le intemperie.

L’elettrificatore non deve essere collocato a luoghi in cui vi può essere rischio d’incendio (fienili, stalle). Nel caso in cui il recinto si trovi all’interno di edifici e i cavi superino i 100Volt questi devono essere isolati in maniera sufficiente da parti metalliche collegate alla massa.

Il materiale infiammabile va tenuto lontano dal recinto.

Per quanto riguarda i danni causati da fulmini va installato uno spinteromentro collegato a massa nella linea di alimentazione del recinto prima che questo venga introdotto nel recinto.

La messa a terra del parafulmine e quella della messa in funzione dell’elettrificatore vanno riunite.

In caso di montaggio all’esterno, il collegamento dell’elettrificatore a 230V all’impianto elettrico deve essere effettuato da personale competente.

Una corretta messa a terra è fondamentale per il buon funzionamento e per garantire prestazioni e sicurezza. Per questo motivo la messa a terra va eseguita in ambiente umido e sorvegliato.

Nel caso di montaggio in zone dove sono presenti avvallamenti bisogna costruire il recinto come indicato nell’immagine:

Daniele

Daniele Castiello vive nel parco nazionale del Cilento ad Ascea , appassionato di erbe e della natura e dei sistemi biologici, ama le passeggiate in bicicletta tra la natura.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *