La farmacia lunare

In confronto alla luce solare, lo spettro lunare risulta particolarmente dotato di raggi rossi e alquanto povero di raggi azzurri e violetti. Ciò significa che la luna non svolge una semplice funzione di rimando nei nostri confronti, ma opera sulla luce solare una selezione che comporta determinate conseguenze. E’ interessante osservare, inoltre, che col mutare delle latitudini e delle stagioni, varia pure l’intensità della luce lunare con conseguenze tangibili sulle colture. Infatti è sufficente un leggero abbassamento di luminosità per rendere critica la coltivazione di alcuni vegetali. Una sorprendente proprietà attribuita alla luna è quella di riuscire a cicatrizzare le amputazioni subite dai vegetali. La stessa luce solare manifesta proprietà cicatrizzanti, ma mentre la sua azione è superficiale, quella della luna penetra in profondità eliminando le cellule morte e stimolando la rigenerazione dei tessuti danneggiati. La luce lunare esalta pure la proprietà delle polveri antiparassitarie, esercitando in tal modo un’azione sinergica. I “bagni di luna”, infine, attivano la formazione degli zuccheri concorrendo alla maturazione dei frutti e facilitando l’accumulo delle sostanze di riserva.le le

Pertanto conviene effettuare le potature con luna crescente .

Daniele

Daniele Castiello vive nel parco nazionale del Cilento ad Ascea , appassionato di erbe e della natura e dei sistemi biologici, ama le passeggiate in bicicletta tra la natura.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *