Falena brumale

(Operophthera brumata)

Gli individui maschi della falena brumale, giallo-bruni con apertura alare di 20-30 mm, volano nel tardo autunno o in inverno (da ottobre a dicembre). La femmina, esclusivamente terricola, migra lungo il tronco verso la corona dell’albero, dove, in prossimità delle gemme invernali, depone 200-300 uova nella corteccia. Svernano quindi le uova, che appena deposte sono di colore verde pallido che più tardi vira al rosso-arancione. Le larvette verdi, lunghe 20 mm, ben riconoscibili per il loro caratteristico movimento “a riverenze” (come tutti i geometridi camminano infatti incarcando e distendendo ritmicamente il corpo), in primavera rodono le giovani foglie, i fiori, le gemme e anche i frutticini. In caso di forte attacco si può arrivare addirittura al defoliamento totale. Le larve, mediante un filo, si lasciano cadere al suolo dove restano come pupe fino all’autunno, quando sfarfallano gli adulti completamente sviluppati. Oltre alle latifoglie e alle piante da frutto come il melo, il pero e il ciliegio, la falena attacca anche arbusti come il biancospino, il crespino e il nocciolo, e ortaggi.

falena larvafalena

Misure preventive: favorire la presenza di uccelli installando casette-nido e lasciare liberi nel frutteto i polli, ghiotti delle larve che si impupano nel terreno (maggio e giugno). Sistemare (da settembre a dicembre) anelli di vischio intorno ai tronchi, per catturare le femmine mentre risalgono verso la parte alta delle piante. Eliminare successivamente gli anelli e ripulire accuratamente con una spazzola gli alberi e gli arbusti al di sotto di questa fascia di sbarramento. Spennellare i tronchi con una pasta protettiva.

In caso di infestazione: irrorazione invernale con sapone di marsiglia e alcol. Prima della fioritura, spolverizzare o irrorare con un prodotto a base di Bacillus thuringiensis; in caso di forte attacco, impiegare un prodotto a base di piretro.

Daniele

Daniele Castiello vive nel parco nazionale del Cilento ad Ascea , appassionato di erbe e della natura e dei sistemi biologici, ama le passeggiate in bicicletta tra la natura.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *