peperoni e peperoncini

Capsicum annuum

I peperoni si distinguono i base alla forma, al colore e alla loro destinazione tra i più noti vi ricordo i quattro faccia sia rosso che giallo e anche verde, i corno di toro, i corno di capra, i friarielli e i piccanti.

La riproduzione avviene per seme , e il clima richiesto è temperato caldo con terreno ricco di sostanza organica esente da ristagni d’acqua perchè è una pianta molto soggetta a marciumi radicali. La semina viene effettuata in febbraio in semenzaio protetto, riscaldato, il trapianto viene effettuato in aprile, ad una distanza tra le file a 60 cm e 40 cm sulla fila in pieno campo, la raccolta incomincia a giugno a ottobre. La concimazione letamica o di compost maturo è sempre consigliabile, le cure culturali consistono nell’irrigazione  non eccessiva ma costanti e protezione da erbe infestanti con pacciamature di cartone che ci aiuta anche a difenderli dalla nottua che sale dal terreno, tra le crittogame è temibile l’antracnosi, che si previene effettuando qualche trattamento con il rame oppure con funghi micorrizi, comunque i danni si limitano piantanto i peperoni lontano dai fagioli.

Le proprietà del peperoncino

Dopo la scoperta dell’America , il peperoncino è un condimento molto popolare e presente nella dieta di molte popolazioni, un successo che si spiega non solamente a causa delle sue proprietà organolettiche ma che ha come elementi fondanti le proprietà benefiche di questa bacca sulla salute.

Quattro composti del peperoncino, tra cui i flavonoidi e i capsaicinoidi, hanno un effetto antibatterico, cosicché cibi cotti col peperoncino possano essere conservati relativamente a lungo.Questo spiega anche perché più ci si sposta in regioni dal clima caldo, maggiore sia l’uso di peperoncino ed altre spezie. I peperoncini sono ricchi in vitamina C e si ritiene abbiano molti effetti benefici sulla salute umana, purché usati con moderazione.

Alcuni medici ne consigliano l’assunzione fino a cinque volte la settimana anche ai bambini dai 7 ai 16 anni. Il peperoncino ha un forte potere antiossidante, e questo gli è valso la fama di antitumrorale. Inoltre, il peperoncino si è dimostrato utile nella cura di malattie da raffreddamento come raffreddore, sinusite e bronchite, e nel favorire la digestione.

Queste virtù sono dovute principalmente alla capsaicina, in grado di aumentare la secrezione di muco e di succhi gastrici. In ultimo il peperoncino stimolando la peristalsi intestinale favorisce il transito e l’evacuazione, il più rapido passaggio intestinale in sinergia col potere antibatterico ed antimicotico evita la fermentazione e la formazione di gas intestinali e di tossine, particolarmente le tossine della candida albicans.

Alcune delle varietà di peperoncini coltivati disponibili :

condorfuoco

Fuoco della prateria                                                   Condor

habaneromaya

      Maya                                                                   Habanero

paracho salamon

               Paracho                                                              Salamon

cayenne

Cayenne

Come preparare l’olio di pereroncino piccante

Raccogliere i peproncini maturi   e disporli su una grata per farli asciugare qualche giorno, dopo tagliateli a pezzetti e disponeteli in un piatto e effettuate una leggera  salatura con sale fino e lasciate riposare per un paio di giorni dopo di che potete i pezzi di peperoncino in vasetti e cospargete di olio di oliva, l’olio al peperoncino sarà pronto in sette- dieci giorni. ( consiglio di usare guanti in lattice)

peperoncinipeperoncini tagliati

peperoncini appena raccolti        peperoncini tagliati e salati

peperoncini nei vasettipeperoncini con olio

peperoncini posti in vasetti         peperoncini ricoperti di olio

peperoncini vasetto

peperoncino chiuso emeticamente

libro peperoncino

Manuale sul peperoncino puoi acquistarlo clicca

Daniele

Daniele Castiello vive nel parco nazionale del Cilento ad Ascea , appassionato di erbe e della natura e dei sistemi biologici, ama le passeggiate in bicicletta tra la natura.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *