Bombice

Bombice antico

(Orgya antiqua)

Questo lepidottero, che attacca tutte le piante da frutto, è caratterizzato da un accentuato dimorfismo sessuale: il maschio presenta ali brune (25-30 mm di apertura) con, su quelle anteriori, una piccola macchia chiara, mentre la femmina, tozza e pelosa, possiede solo degli abbozzi alari e non è quindi in grado di volare. Le larve, adornate di colori vivaci, presentano sul dorso evidenti prominenze provviste di lunghi peli gialli e neri riunite in ciuffi, simili a pennelli. Questo insetto sverna come uovo sulla pianta e, in annate favorevoli, può avere fino a 2-3 generazioni. Le larve, nate dalle uova svernanti, compaiono a maggio e si dirigono prima sulle foglie e poi sui frutticini dove provocano delle erosioni superficiali ad andamento irregolare della profondità di pochi millimetri. I danni più gravi sono quelli causati ai frutti che crescono in modo irregolare, presentando fino alla raccolta le tacche di erosione. A maturità le larve cercano un posto riparato tra le foglie o nelle screpolature del tronco dove, protette da un bozzolo, compiono la metamorfosi. Lo sfarfallamento degli adulti avviene a giugno; la deposizione delle uova da parte di questi individui dà inizio ad un nuovo ciclo. Le generazioni successive risultano meno pericolose della prima, probabilmente perchè i trattamenti fatti contro gli altri parassiti uccidono anche quest’insetto.

Lotta

L’attacco inizia dalle foglie situate in prossimità del tronco che si presentano bucherellate. Ai primi di maggio intervenire con diflubenzuron (su larve giovani). Per le generazioni successive, se necessario, trattare al primo accenno di infestazione sui frutti. Altri bombici che tavolta danneggiano le pomacee sono il bombice gallonato (Melacosoma neustria), il bombice del ventre bruno (Euproctis chrysorrhoea) ed il bombice dispari (Lymantria dispar), che si combattono come il precedente.

Daniele

Daniele Castiello vive nel parco nazionale del Cilento ad Ascea , appassionato di erbe e della natura e dei sistemi biologici, ama le passeggiate in bicicletta tra la natura.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *