Occhio di pavone o Cicloconio dell’olivo cos’è e come difendere le nostre piante.

Questa è una delle mattie più diffuse, attacca le piante di olivo, ed è causata da un fungo patogeno che prende il nome di “Spilocea-deaginea”. E’ una malattia che colpisce principalmente l’olivo dell’area Italiana e può arrecare gravi danni alla produzione.

COME SI PRESENTA: Questo fungo colpisce principalmente le foglie, provocando macchie rotonde, di un marrone scuro co bordi giallastri (Da qui il nome occhio di pavone).

DANNI MALATTIA: Principalmente si presentano nella parte bassa della pianta, se questa non viene curata vi è il rischio di recare danni alla pianta, la quale potrà non riuscire a sintetizzare i nutrienti. In alcuni casi, anche se rari, il fungo può estendersi anche ai rami e ai frutti, i quali presenteranno piccole macchie scure. Se l’infezione diventa grave si può arrivare ad una perdita dell’80% della produzione.

CICLO DELLA MALATTIA: Si sviluppa da autunno sino alla primavera. Rallenta nel periodo estivo e negli inverni meno rigidi. Si ha una netta stasi quando gli inverni sono molto freddi. Si presenta principalmente a temperature tra i 10°-24°C.

CAUSE:

-Eccessiva pioggia, nebbia, rugiada

-Posizione dell’uliveto (posti poco ventilati)

FATTORI CHE NE FAVORISCONO LO SVILUPPO

-Impianti fitti

-Potatura assente o seguita male

-Troppa irrigazione

-Troppo azoto

-Troppa umidità

DIFESA BIOLOGICA

E’ consigliato l’uso di prodotti rameici

Daniele

Daniele Castiello vive nel parco nazionale del Cilento ad Ascea , appassionato di erbe e della natura e dei sistemi biologici, ama le passeggiate in bicicletta tra la natura.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *